Scuola Toscana dietro le quinte: intervista a Alberto

Perché hai deciso di fare l’insegnante? Il caso o la volontà?

Una volta qualcuno ha detto che le cose possono succedere quando la passione incontra una possibilità di esprimersi, ed io sono d’accordo. 

Quando ero piccolo, dicevo sempre che volevo fare l’insegnante di Italiano (anche se in quel momento non immaginavo che avrei insegnato agli stranieri). Ho da sempre una passione per l’insegnamento, così, quando nel Marzo del 2008 ho letto l’annuncio di una scuola di italiano per stranieri che cercava un insegnante, ho colto subito l’occasione. 

Amo il mio lavoro e trovo che il mio background di Psicologia mi aiuti moltissimo nel farlo al meglio possibile! 

L’insegnante è un personaggio pubblico, quindi è geloso della propria vita privata. Ma puoi raccontarci qualcosa…di inatteso, di divertente, di interessante? Promettiamo di non dirlo a nessuno…

In generale, credo di avere un animo artistico da sempre non completamente espresso. Amo la musica (suono la chitarra e un po’ di pianoforte e ho studiato canto), mi piace molto scrivere (il mio sogno nel cassetto è scrivere un libro), mi piacciono tutte le cose creative (soprattutto cucinare, disegnare e scattare fotografie) e – ma questo non è un mistero per i miei studenti! – mi piacciono molto il fitness e lo sport. 

L’insegnante è un personaggio sempre in vista: qual è il tuo outfit preferito?

In generale, vesto molto casual (un paio di jeans e un maglione), ma dipende dai giorni. Qualche volta, mi piace vestirmi un po’ più elegante e indosso abiti e colori più ricercati. Tuttavia, se venite a scuola a cercarmi, molto probabilmente mi troverete con i miei jeans e il mio maglione preferito. 

La domanda con l’imperfetto: com’eri da piccolo?

Di certo ero un bambino molto tranquillo. Mi piaceva molto leggere, disegnare e giocare con il Lego. Ero un bambino timido, silenzioso e un grande osservatore. Avevo (ed ho!) una grande immaginazione e cercavo già di esprimere la mia creatività disegnando storie ed inventando personaggi. Adoravo ascoltare e leggere le favole (le mie preferite erano quelle russe) e già da piccolo amavo moltissimo la musica: ascoltavo Michael Jackson e Madonna già quando avevo 5 o 6 anni! 

La domanda con il condizionale: cosa faresti con un milione di euro?

Prima di tutto, comprerei una casa con il giardino immersa nella campagna toscana. In questa casa, avrei un bellissimo studio che riempirei di libri, arte moderna e musica. Mi piace la vita tranquilla, ma credo anche che viaggerei molto e visiterei posti in cui non sono mai stato. Infine, sicuramente risparmierei un po’ di quei soldi dopo averne dati un po’ alla mia famiglia. 

La domanda con il verbo piacere: cosa ti piace del tuo lavoro?

Mi piace molto conoscere culture diverse ma, soprattutto, amo stare con le persone e adoro la compagnia degli studenti e ascoltare i racconti dei loro paesi, delle loro abitudini e di quello che non conosco delle loro tradizioni.
Insegnare è un lavoro che lascia un po’ di spazio alla creatività, che per me è molto importante. Inoltre, amo insegnare e trasmettere la passione per l’italianità e per la mia cultura. Infine, insegnare è per me molto divertente e ho scoperto così che, se si ha un lavoro che si ama, in realtà sembra di non lavorare mai! 

Scuola Toscana in Tokyo, 2

Salone dell’Italiano is over, we were more than happy with our participation, lot of people came to our stand so that our representatives Minae and Maki did not even have time for a break ! Interesting: 50% of visitors at the stand were “senior” students, 50 years + .

As always with the fairs, in the next weeks and months we will realize if the success of public will be also a success in selling our courses… hope so !

New Home(Page) for Scuola Toscana

After some years of honourable service, our Internet site http://www.scuola-toscana.com retires, and here comes the new one – it was ready more or less since May, but only now, with the low season, we dare to tackle the changeover (as for now, it looks we were lucky and did not experience any mayor problem).
Have a look here:

www.scuola-toscana.com

Like the old site, the new is too a work of Dr Duccio Guazzelli, a former (excellent) teacher at the Scuola Toscana turned web programmer around 10 years ago.
The new site should be more modern, faster, cleaner, easier to find for the search engines, and – easier for the directors to tinker with.

Therefore from now on, if there is something wrong or you do not find the necessary information, it is no more the webmaster fault, but just the directors’ fault…

Have a look and be so kind to leave us your opinion !

italian language course in Italy

We present our new blog:
We are a school of Italian language for foreigners, located in the historical center of Florence – Italy www.scuola-toscana.com . We are recognized by the Italian ministry of education, as well as by the ASILS (National Association of Schools of Italian as Second Language) and AIL (Accademia Italiana di Lingua), and we work under the patronate of the City of Florence.

All our teachers and instructors have a degree at the Italian University,
have completed a training for teaching Italian as second language and are
AIL certified.

We offer different kinds of courses, from absolute beginners up to
perfecting. Moreover, we organize many extra-curricular activities as short
travels to nearby villages, excursions of history of art, video evenings,
parties with Italian people and so on. At the end of the courses every
student receives a certificate which states the attained knowledge of
Italian.

uffizi-per-mail